Abbiamo visitato Autopromotec 2017 e le novità non mancano

BtheOne - Abbiamo visitato Autopromotec 2017 e le novità non mancano

Abbiamo visitato Autopromotec 2017 e le novità non mancano

Una concessionaria non vive solo di vendita di “ferro”, ma anche e soprattutto di servizi e di assistenza. Per capire meglio in quale direzione si muove il mercato del post vendita, abbiamo fatto visita all’Autopromotec a Bologna.

OFFICINA 4.0

Abbiamo più di qualche interrogativo interessante sul quale avremmo piacere di sentire il tuo punto di vista, ma lasciamo e lanciamo intanto una prima riflessione che è: “Cosa fa il tuo cliente quando si accendono delle spie sul cruscotto della sua macchina? Chi chiama? Dove va?
Dopo il Dealer Day di Verona ci siamo immersi nel mondo delle officine e del post-vendita visitando l’Autopromotec.
La kermesse biennale è per certi versi ancora molto “tecnica” e a farla da padrone sono ricambistica, componentistica, pneumatici, sistemi di lavaggio vetture piuttosto che forni di verniciatura. Noi ci siamo andati per scoprire le novità sulla diagnostica, le soluzioni per la gestione del post vendita, e per partecipare all’anteprima della presentazione “OFFICINA 4.0 di Accenture.

Ci sono profondi mutamenti che stanno ridefinendo il mondo auto, nuove tecnologie richiedono un salto “irrinunciabile” di mentalità anche da parte delle officine, per rimanere competitive e cogliere le vere opportunità ora disponibili nella gestione del rapporto con il cliente.
Anche i concessionari devono attrezzarsi adeguatamente per continuare a fornire un servizio completo e all’altezza con l’avvento di nuove tecnologie, strumenti, ma soprattutto dell’Internet of Things.

Per certi versi ci pensano le case madri con prodotti proprietari offerti alle aziende in concessione, ma si tratta di una scelta obbligata, perché senza la connettività e una strumentazione integrata non sarà possibile lavorare su nessun veicolo di recente o nuova immatricolazione.  Nelle vostre officine già oggi le vetture dei vostri clienti possono essere collegate in rete: i dati di marcia relativi all’auto sono registrati e trasmessi in modo continuo così come le informazioni sullo stato operativo e sulle sollecitazioni a cui sono sottoposti i diversi componenti del veicolo.

TELEMATICA E CRM

Per noi la telematica unita al C.R.M. (Customer Relationship Management) possono rappresentare la chiave di lettura per incrementare il business nel post vendita ed eravamo davvero curiosi di confrontare le soluzioni che abbiamo pensato con quanto veniva proposto.

Il progetto “Officina 4.0” ha presentato vari scenari della vita quotidiana dell’auto, offrendo spunti di approfondimento su tematiche quali riparazione, telematica, manutenzione predittiva, gestione del service e della customer journey. Ci è sembrato non così innovativo rispetto a quanto visto nell’edizione del 2015 e comunque troppo avveniristico per come è il mercato del post vendita in Italia. Peraltro Accenture si è sbilanciata in una logica pro-consumatore e meno attenta alle esigenze dei concessionari.
Quello che oggi già potrebbe fare la differenza in concessionaria è una soluzione basata su uno strumento di telematica e un software molto semplice da integrare in logiche e processi che noi abbiamo pensato e realizzato.

LA NOSTRA IDEA DI DIGITALIZZAZIONE PER I DEALER

Nel nostro modello di business riteniamo che portare la digitalizzazione in officina, oltre che in salone e nel BDC, possa permettere ai dealer italiani di aumentare drasticamente la propria redditività. Per fare questo ci sono processi virtuosi da applicare, uniti alla proposizione di strumenti integrati con logiche CRM a costo veramente contenuto con ritorno sull’investimento – oltre che ricavi immediati – decisamente interessanti.
E se vi dicessimo che possiamo offrirvi una soluzione realmente innovativa, realmente economica e “plug & play” che vi permette di seguire il cliente per tutto il tempo di utilizzo della vettura mantenendolo e fidelizzandolo alla vostra concessionaria?

E che può creare regolari momenti di contatto in base ai suoi interessi e disponibilità, profilandolo e permettendovi di migliorare l’efficacia delle attività di marketing nella proposizione di offerte mirate, aumentando la service retention e riducendo il tasso di abbandono con alto ritorno sull’investimento?